ArgentinaResto del Mondo

Itinerario Barrio San Nicolás, Buenos Aires

Barrio San Nicolás Itinerario

Il modo migliore per conoscere una città è salire nel suo punto più alto. Buenos Aires offre molte possibilità per essere osservata dall’alto e uno dei luoghi più suggestivi per farlo è sicuramente il mirador della Galeria Güemes. Il sontuoso edificio si trova nel quartiere di San Nicolás, chiamato così perché in questa zona sorgeva la chiesa di San Nicola di Bari; poi demolita per far spazio alla città in via di sviluppo.

Il quartiere di San Nicolás, caratterizzato da ampi viali costeggiati da imponenti edifici in stile europeo, è uno dei barrios più brulicanti della città. Qui hanno sede molti uffici e banche, ma anche teatri, librerie e ristoranti.

Il mio consiglio è di trovare un alloggio in questo quartiere, specialmente in zona Avenida Corrientes vicino all’Obelisco. Oltre ad essere una delle aree più sicure della città, anche di notte, qui si trovano molti servizi utili per i turisti, come banche ed agenzie turistiche.

Il quartiere di San Nicolás è anche una zona molto comoda e accessibile per gli spostamenti. Qui, infatti, convergono tutte le linee della metropolitana e molte linee degli autobus. Da San Nicolás ogni angolo di Buenos Aires sarà ai vostri piedi!

COSA VEDERE NEL BARRIO SAN NICOLÀS:

1. GALERÍA GÜEMES

Ubicata in Calle Florida, lunghissima e pedonale via commerciale di Buenos Aires, la galleria è considerata un’opera maestra dello stile Art Nouveau. Inaugurata nel 1915, con i suoi 87 metri di altezza, fu uno dei primi grattacieli della città. Al sesto piano vi abitò, per quindici mesi, l’aviatore e scrittore Antoine de Saint Exupéry, autore de Il Piccolo Principe.

vista panoramica su Buenos Aires dal mirador della Galeria Guemes
Vista panoramica su Buenos Aires dal mirador della Galeria Güemes

Florida 165 | Visite alla torre panoramica Lunedì-Venerdì h.15-17.40 | Ingresso 100 pesos | Info

2. OBELISCO

Il monumento più identificativo ed emblematico di Buenos Aires, nonché importantissimo punto di riferimento quando si passeggia per le vie centrali della città (Ci siamo persi…dov’è l’Obelisco?!). Alto 67,5 metri, l’Obelisco fu costruito nel 1936 nel punto esatto dove, nel 1812, fu issata per la prima volta la Bandiera Nazionale. Oggi si trova al centro dell’Avenida 9 de Julio, la più importante e grande arteria stradale di Buenos Aires. L’ingresso al pubblico, sfortunatamente, è proibito.

Obelisco Buenos Aires
Davanti all’Obelisco si trova un bellissimo giardino verticale che forma le iniziale di Buenos Aires
3. AVENIDA CORRIENTES

Conosciuta come “la calle que nunca duerme” (la strada che non dorme mai), non potete dire di essere stati a Buenos Aires se non avete passeggiato almeno una volta tra i bar, le librerie, i teatri, le luci al neon della via considerata il centro dell’intrattenimento e della cultura della città. Prestate, però, attenzione a dove mettete i piedi quando camminate su Corrientes: nella pavimentazione dei due marciapiedi che costeggiano la via è, infatti, possibile trovare le stelle (in stile Hollywood Walk of Fame di Los Angeles) con i nomi di alcune celebrità argentine.

4. PASEO LA PLAZA

Con le sue cinque sale, è il principale centro teatrale della città, sorto dove prima c’era un antico mercato. Tra i suoi alberi illuminati, le scalinate, i portici e i sentieri appartati e tranquilli, tanto che non sembra di trovarsi nel pieno centro di una metropoli, è anche possibile trovare numerosi bar e ristoranti. Uno dei miei luoghi preferiti per una sosta dal febbrile traffico cittadino.

Nota utile per i viaggiatori: nei sotterranei della piazza, dove si trovano i parcheggi, ci sono dei bagni pubblici gratuiti, puliti ed accessibili a tutte le ore del giorno e della notte.

Paseo La Plaza
Uno dei tanti locali che si possono trovare dentro Paseo La Plaza

Av. Corrientes 1660 | Ingresso libero e gratuito

5. EL ATENEO GRAND SPLENDID

Un mix di cultura, arte, storia ed architettura imperdibile! Gli appassionati di libri come me adoreranno questa libreria ricavata da un antico teatro costruito nel 1919. Molti elementi del vecchio ed elegante edificio, come le balconate, le colonne, le decorazione, le luci e gli affreschi della cupola, sono stati conservati o riadattati al nuovo utilizzo, come i palchetti trasformati in originalissime sale lettura. Nel palcoscenico, invece, dietro lo scenografico e maestoso sipario di velluto rosso, è stata realizzata una singolare zona bar dove poter sorseggiare un caffè mentre si legge un buon libro.

El Ateneo Grand Splendid
La meravigliosa libreria El Ateneo Grand Splendid

Av Santa Fe 1860 | Tutti i giorni h. 9-22, sabato e domenica h. 9-24 | Ingresso libero e gratuito

(In realtà la libreria si trova nel Barrio Recoleta, ma io l’ho voluta inserire in questo itinerario per la sua vicinanza al Barrio San Nicolás)

A proposito di librerie, lo sapevate che la capitale argentina è la città con più alto numero di librerie per abitante al mondo? Ve ne parlo in 10 curiosità su Buenos Aires.

6. TEATRO COLÓN

Considerato, per la sua grandezza e per la sua eccellente acustica, uno tra i 5 teatri d’opera migliori al mondo, lo splendido teatro fu inaugurato il 25 maggio del 1908 con l’Aida di Giuseppe Verdi.

Teatro Colón interno
L’interno del Teatro Colón durante un concerto

Cerrito 628 | Visite guidate tutti i giorni h. 9-17 | Ingresso 600 pesos | Info

Lunedì-Sabato h. 9-11/15.30-17.00 e Domenica giornata intera ingresso ridotto 500 pesos

Una o due volte al mese, la domenica (è possibile controllare le date nel sito del teatro) vengono organizzati dei concerti gratuiti. Per ritirare i biglietti è necessario recarsi il venerdì antecedente lo spettacolo presso la biglietteria del teatro (Tucumán 1171). La vendita dei biglietti inizia alle ore 10 ma, parlo per esperienza personale, vi consiglio di recarvi sul posto almeno un’ora prima. Ogni persona può ritirare al massimo 2 ingressi.

CONSIGLI UTILI PER IL VIAGGIATORE:

DOVE MANGIARE NEL BARRIO SAN NICOLÀS

Come vi raccontavo in apertura dell’articolo, nel barrio di San Nicolás, oltre a teatri, cinema e librerie, si possono trovare anche alcuni tra i più iconici e storici locali di Buenos Aires dove fermarsi per una sosta e mangiucchiare qualcosa.

Per una sosta merenda vi consiglio El Gato Negro (Av. Corrientes 1669 aperto tutti i giorni dalle h. 9, tranne alla domenica che apre alle h. 15, fino a tarda notte). Appena varcata la soglia verrete invasi da un penetrante profumo di spezie. Il locale, infatti, con i suoi lampadari di bronzo, le vetrine e gli espositori di legno con i barattoli di semi ed erbe aromatiche, spezie e sali, cioccolatini e frutta candita, mantiene ancora intatto tutto il suo stile e fascino di antico almacén, negozio di spezie. Al primo piano, superata la bellissima scala di legno d’epoca, si trova una sala dove si può mangiare una serie di piatti d’autore. Consigliatissima la bruschetta con pomodoro secco, grana a scaglie, rucola e spezie. Buonissima!

Se, invece, preferite un gelato fermatevi da Cadore (Av. Corriente 1695, aperto tutti i giorni, h. 11.30-1), gelateria artigianale fondata nel 1957 dall’italiano Silvestre Olivotti; la seconda gelateria migliore al mondo secondo un’indagine del 2017 del National Geographic. Il gusto da provare? Tassativamente dulce de leche!

Per cena, invece, vi consiglio due pizzerie storiche e tra le più buone di Buenos Aires, Güerrin (Av. Corrientes 1368, aperto tutti i giorni, h.11-1) e Las Cuartetas (Av. Corrientes 838, Lunedì-Venerdì h. 11-1, Sabato e Domenica h. 12-2).

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.