ArgentinaResto del Mondo

Tutto quello che c’è da sapere sul mate argentino

Tutto quello che c'è da sapere sul mate argentino: che cos'è, come si prepara, benefici

CHE COS’È IL MATE

Il mate è la bevanda tipica dell’Argentina. Si tratta di un infuso preparato con le foglie di mate, un arbusto (nome scientifico Ilex paraguariensis) nativo del Sud America. Le foglie di questa pianta, una volta essiccate e tagliuzzate, vengono disposte su un piccolo recipiente, chiamato anch’esso mate, sul quale viene versata l’acqua calda. L’infuso viene poi sorseggiato da una piccola cannuccia di metallo. Con la parola “mate” perciò, gli argentini indicano non solo la loro tradizionale bevanda, ma anche l’erba con la quale la si prepara e il recipiente dove viene servita.

Nel Jardin botánico Carlos Thays di Buenos Aires (Barrio Palermo, ingresso libero e gratuito) è presente un’area dedicata alla coltivazione di piante di mate.

Anche Papa Francesco, da buon argentino, beve il mate!
Anche Papa Francesco, da buon argentino, beve il mate!
foto SIR/Marco Calvarese

COSA SERVE PER PREPARARE IL MATE ARGENTINO

Girovagando per l’Argentina una delle cose più curiose da vedere sono gli argentini che camminano per strada sorseggiando il mate. Gli argentini, infatti, assaporano la loro bevanda nazionale ovunque: a casa, al parco, in ufficio, sull’autobus, mentre camminano.

Dato che bere mate è un’abitudine molto diffusa in Argentina, esistono delle apposite borse e zaini contenitori chiamati “matera” che servono a conservare e a trasportare tutto l’occorrente per preparare l’infuso, ovvero:

matera
  • Un thermos per l’acqua calda. Il mate, essendo un infuso, deve essere servito caldo. Per non bruciare le foglie di erba mate, però, l’acqua non deve superare gli 80°C. In Argentina esistono dei bollitori per riscaldare l’acqua che, invece dei gradi, indicano il punto di calore dell’acqua adatto per servire il mate. In molte stazioni di servizio, inoltre, si possono trovare distributori automatici di acqua calda a gettoni dove poter riempire il proprio thermos;
  • Yerba mate. L’erba per preparare il mate in Argentina è venduta a chilo, la si può trovare in qualsiasi supermercato e ne esistono di diverse marche. L’erba viene poi conservata, e all’occorrenza trasportata, in dei piccoli contenitori di vari materiali (generalmente plastica o alluminio). Questi piccoli contenitori possono essere utilizzati anche per trasportare lo zucchero. Il mate, infatti, si può bere amargo (amaro) oppure con azúcar, zuccherato;
set per mate

Se volete provare il mate argentino, ma non volete comprare chili di erba, esistono anche delle bustine monodose da immergere semplicemente in una tazza di acqua calda, come del semplice thè. L’erba mate, venduta a chilo o in bustine monodose, si può trovare anche in Italia in alcuni grandi supermercati, nelle erboristerie o nei negozi etnici.

  • Il mate, ovvero il piccolo recipiente nel quale si serve la bevanda. Ne esistono di varie forme, colori e materiali. Il classico recipiente è in madera (legno) o di calabaza, una piccola zucca svuotata ed essiccata. In commercio si possono trovare, però, anche mate in cuero (cuoio), acciaio, vetro, ceramica e silicone.
tipi di mate
Una parte della mia collezione di mate

Se si sceglie un mate di madera o di calabaza prima di utilizzarlo bisogna “curar” il recipiente. Questo significa riempire il mate con l’erba, versare l’acqua calda e lasciare l’infuso riposare all’interno del mate per almeno 48 ore. In questo modo il recipiente, quando andrete a bere il mate, non saprà di legno o di zucca. Trascorse le 48 ore, il mate, una volta svuotato, sarà pronto per essere utilizzato per la prima volta.

  • Una bombilla, la cannuccia con la quale si sorseggia il mate.

I set per il mate in Argentina si possono trovare dappertutto: dalle bancherelle dei mercatini di quartiere ai più moderni negozi di design. A Buenos Aires il posto migliore per acquistare un mate tradizionale è il quartiere di San Telmo. Qui alla domenica, durante la Feria (mercatino) si possono trovare, per pochi pesos, dei mate di legno da far incidere e personalizzare sul momento.

COME SI PREPARA IL MATE ARGENTINO

Bere il mate è un momento di aggregazione e di condivisione. Il mate, infatti, anche se si può bere da soli, va principalmente condiviso, bevendo tutti dallo stesso recipiente, utilizzando tutti la stessa cannuccia.

Preparare il mate, inoltre, è un vero e proprio rito che viene condotto dal cebador, una sorta di cerimoniere che si occupa di disporre il recipiente seguendo una serie di rigidi dettami.

come si prepara il mate

Di seguito tutti i passi per diventare un autentico cebador argentino:

  1. Riscaldate l’acqua a 80°C e versatela nel thermos;
  2. Inserite l’erba mate all’interno del recipiente riempiendolo per 3/4. Tappate con la mano la bocca del mate, rovesciate il recipiente agitandolo e rimettetelo nella posizione originaria. Sul palmo della mano si sarà depositata della polvere di mate: soffiatela via;
  3. Versate l’acqua calda nel mate ed inserite la bombilla. Per non consumare tutta la yerba contenuta nel mate, l’acqua deve essere sempre versata nello stesso punto, vicino alla bombilla. La cannuccia una volta inserita nel mate, non deve essere MAI spostata e MAI (ripeto MAI) toccata per nessuna ragione al mondo con le mani. Ammetto di aver commesso questo errore la prima volta che ho bevuto mate. A distanza di anni non mi hanno ancora perdonata…;
  4. A questo punto (senza toccare la bombilla mi raccomando) si può iniziare a bere il mate. Il primo a servirsi sarà il cebador. Dopodiché si proseguirà in senso orario seguendo l’ordine in cui le persone sono sedute. Il mate, infatti, si beve a turno. La propria razione di mate deve essere consumata tutta, ovvero dovete bere il mate finché non finisce l’acqua nel recipiente. Per concludere, ricordatevi di fare un bel sonoro risucchio mentre tirare su l’ultimo sorso;
  5. Una volta finita la propria “razione” di mate, il mate vuoto deve essere riconsegnato al cebador. Questo lo riempirà con dell’altra acqua calda e lo passerà al prossimo invitato.

Una volta finito di bere il mate, il recipiente si lava semplicemente con l’acqua, mai con il sapone.

I BENEFICI DEL MATE ARGENTINO

Il mate, oltre a rappresentare un momento conviviale nella vita quotidiana di ogni argentino, è apprezzato anche per le sue tante proprietà benefiche. Una delle qualità più importanti del mate è il suo effetto energizzante dovuto alla presenza di mateina, una sostanza che ha degli effetti simili a quelle della caffeina. Il mate, inoltre, grazie alla presenza di polifenoli, garantisce una benefica azione antiossidante sulle cellule dell’organismo migliorando le difese naturali e combattendo l’invecchiamento. Il mate, tra le altre cose, aiuta anche a purificare l’organismo, grazie alla sua azione diuretica, e a controllare il peso, grazie alla capacità di accelerare il metabolismo e all’effetto saziante.

Con tutte queste belle qualità è impossibile dire di no ad un buon mate!

CONDIVIDI:

2 pensieri su “Tutto quello che c’è da sapere sul mate argentino

  1. Hai dimenticato di dire che se non vuoi continuare a bere o non puoi, dovresti dire “gracias” al “cebador”, ma solo dopo aver preso l’ultimo mate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.