ArgentinaResto del Mondo

Guida alle Cascate dell’Iguazú

Cascate dell'Iguazu

Le Cascate dell’Iguazú sono uno straordinario ed emozionate spettacolo della natura difficile da dimenticare. Alimentate dal Río Iguazú, le cascate costituiscono un confine naturale tra Brasile ed Argentina.

Le Cascate dell’Iguazú si trovano all’interno di due parchi nazionali: il Parque Nacional do Iguaçú (lato brasiliano) e il Parque Nacional Iguazú (lato argentino), che ricoprono una superficie totale di 2100 kmq.

Sebbene esistano pareri discordati riguardo quale lato offra le vedute migliori delle cascate, una cosa è certa: per comprendere la potenza e le dimensioni delle Cascate dell’Iguazú bisogna visitare entrambi i lati.

Il lato brasiliano, infatti, offre al visitatore maggiori viste panoramiche dalle quali poter comprendere l’immensità delle cascate. Il lato argentino, invece, con i suoi numerosi sentieri immersi nella foresta pluviale incontaminata, regala molte più opportunità per osservare da vicino i salti delle cascate.

 

Parque Nacional do Iguaçú

Cosa fare e vedere nel lato brasiliano

Con i suoi 1500 kmq di estensione, il Parque Nacional do Iguaçú è il più grande dei due parchi nazionali e quello che regala ai visitatori la veduta migliore delle cascate in tutta la loro interezza.

Una volta acquistato l’ingresso al parco presso il centro visitatori si viene condotti su degli autobus a due piani che, con una frequenza di circa 15 minuti, conducono alle cascate. Lungo il tragitto è possibile fermarsi per svolgere alcune attività.

 

Macuco Safari

Tra le varie attività proposte all’interno del parco noi abbiamo deciso di prendere parte al Macuco Safari. A bordo di un rimorchio trainato da una jeep abbiamo attraversato la foresta sino a raggiungere la riva del fiume. Qui, una volta tolte le scarpe ed indossato il costume da bagno e il giubetto di salvataggio, ci siamo imbarcati su dei gommoni ed abbiamo raggiunto da sotto, tra schizzi e rapide, le cascate.

Macuco Safari

Anche se si viene (ovviamente) condotti sotto le cascate più piccole, la potenza dell’acqua è comunque impressionante e gli addetti al gommone si divertono a vedere i visitatori zuppi dalla testa ai piedi (loro indossano, invece, dei tutoni impermeabile!). Un’esperienza divertentissima e, date le temperature subtropicali, decisamente rinfrescante! Unico aspetto negativo: dura troppo poco! Avrei voluto fare e rifare il bagno sotto le cascate ma c’era un parco da visitare…

 

Trilha dos Cataratas

Trilha dos Cataratas

Una volta conclusa la divertentissima ed imperdibile escursione in gommone, siamo risaliti sull’autobus e abbiamo raggiunto l’ultima fermata del tragitto, Trilha dos Cataratas, un magnifico sentiero panoramico che offre vedute delle cascate del lato argentino, con tanto di passerella di metallo da brivido che si sporge sui salti delle cascate.

Passerella lato brasiliano Iguazu

Alla fine del sentiero, con un ascensore, si sale su una piattaforma che vanta una fenomenale vista ravvicinata sulle cascate del lato brasiliano.

Iguazu lato brasiliano

 

Parque Nacional Iguazú

Cosa fare e vedere nel lato argentino

Sebbene il Parque Nacional Iguazú, con i suoi 550 kmq di estensione, sia il più piccolo dei due parchi nazionali, l‘80% delle cascate si trovano qui. Il lato argentino del parco, inoltre, è quello che presenta una natura più incontaminata permettendo al visitatore un’esperienza più autentica attraverso tre circuiti di sentieri: Garganta del Diablo, Circuito Superior e Circuito Inferior.

 

Garganta del Diablo

Il circuito più spettacolare di tutte le Cascate dell’Iguazú. Vi consiglio di andarci al mattino presto, quando ancora non ci sono troppi turisti in giro. Appena superato l’ingresso del parco dirigetevi verso la Estación Central, la stazione dalla quale parte il Tren de la Selva, un trenino che, seguendo un percorso all’interno della foresta, raggiunge vari punti del parco. Il trenino ha una frequenza di circa 30 minuti, la prima corsa si effettua alle ore 8.30 e il biglietto è incluso nel biglietto d’accesso al parco. Scendete all’ultima stazione: Garganta del Diablo. Da qui, parte il sentiero formato da passerelle poste direttamente sopra le acque dell’impetuoso Río Iguazú.

Rio Iguazu

Dopo circa un chilometro si arriva nel luogo più incredibile di tutto il parco, il balcone panoramico della Garganta del Diablo. Si tratta di straordinario punto di osservazione dall’alto da dove poter ammirare da molto vicino, in tutta la loro assordante potenza, le acque delle cascate sparire all’interno di quella che viene chiamata la gola del diavolo.

Garganta del Diablo

A causa dei vapori e degli spruzzi, è impossibile vedere la fine del salto che misura più di 80 metri di altezza: l’acqua sembra semplicemente scomparire nel vuoto più assoluto. Uno scenario veramente indimenticabile!

Garganta del Diablo

 

Circuito Superior

Dopo aver ammirato il fenomenale spettacolo della natura offerto dalla Garganta del Diablo, si può prendere nuovamente il Tren de la Selva e scendere alla fermata Estación Cataratas, dove inizia il Circuito Superiore.

Circuito Superior Iguazu

Si tratta di un percorso di circa 1750 metri interamente pianeggiante che, in alcuni punti, attraversa le acque del Río Iguazú mediante passerelle strategicamente posizionate a pochi metri dal bordo dei salti, offrendo ai visitatori bellissimi e vertiginosi scorci e vedute dall’alto delle cascate.

Circuito Superior

 

Circuito Inferior

A pochi passi dalla Estación Cataratas inizia anche il sentiero di 1600 metri che costituisce il Circuito Inferiore. Il percorso si addentra all’interno della foresta fino a raggiungere il Río Iguazú da dove è possibile godere di una vista panoramica dal basso delle cascate.

Circuito Inferior

Avvolte il sentiero passa così vicino alle pareti d’acqua, come nel caso della cascata Bosetti, alla fine del circuito, che una doccia rinfrescante è inevitabile, ma, date le temperature, anche molto gradita!

Salto Dos Hermanas Iguazu
Salto Dos Hermanas

Per maggiori informazioni sulle Cascate dell’Iguazú, come prezzi e costi, come arrivare, quando andare, dove alloggiare, trovi tutti i miei consigli nell’articolo Cascate dell’Iguazú: info utili. Se, invece, vuoi scoprire cosa vedere vicino alle Cascate dell’Iguazú, non perderti il prossimo articolo!

CONDIVIDI:

2 pensieri su “Guida alle Cascate dell’Iguazú

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.