ArgentinaResto del Mondo

Come muoversi a Buenos Aires

Come muoversi a Buenos Aires

Il metodo migliore per conoscere ed apprezzare la città di Buenos Aires è quello di camminare. In una metropoli così vasta come la capitale argentina prima o poi, però, si è costretti ad utilizzare dei mezzi diversi dai propri piedi per spostarsi.

Dopo avervi raccontato come arrivare nella capitale argentina, in questo articolo vi parlerò di come muoversi a Buenos Aires: quale mezzo di trasporto scegliere, orari, tariffe e alcune app utili per organizzare gli spostamenti.

COME MUOVERSI A BUENOS AIRES:

1. SUBTE

La metropolitana, subte come viene chiamata da queste parti, è sicuramente il mezzo di trasporto più funzionale e rapido per muoversi a Buenos Aires. Tutte le 6 linee (A, B, C, D, E, H) convergono nel centro della città, dove si trovano le principali attrazioni turistiche e gli alberghi. La metropolitana è aperta dalle 5.30 alle 23.00 (ultima corsa tra le 22 e le 22.30) dal lunedì al sabato e dalle 8.00 alle 22.00 la domenica e durante i giorni festivi. La frequenza delle corse è di circa 3 minuti durante la settimana, dal lunedì al venerdì, e di 7 o 8 minuti (dipende dalla linea) durante il fine settimana e nei giorni festivi.

Come viaggiare in Subte

Per poter viaggiare in metropolitana è necessario procurarsi una tarjeta sube, una tessera magnetica che permette l’accesso a tutti i trasporti pubblici di Buenos Aires (metropolitana, autobus e treno). La tessera ha un costo di 25 pesos e si può conseguire nei punti vendita presenti nelle stazioni della metro o nei Puntos Sube abilitati (loterías o chioschi). La ricarica della tessera si fa a parte nelle apposite macchinette, nelle stazioni della metro o nei chioschi autorizzati, con la quantità di soldi che si desidera. Se viaggiate in coppia o in gruppo, potete acquistare una sola tarjeta sube (non è nominativa) e passarvela al momento di accedere ai mezzi pubblici. Ogni corsa costa 7,50 pesos. Una volta terminato il saldo, si può continuare a viaggiare fino ad una spesa massima di 20,50 pesos. Quota che vi verrà addebitata automaticamente alla prima ricarica effettuata.

2. COLECTIVOS

Con più di 180 linee e corse che coprono h24 l’intera giornata con una buona frequenza (anche se dopo mezzanotte le corse sono meno frequenti), l’autobus è una valida alternativa alla metropolitana per muoversi nella città di Buenos Aires.

Se, però, nel caso della subte l’unico inconveniente a cui potreste andare in contro, specialmente se viaggiate d’estate, è quello di venire schiacciati come una sardina sottolio in un vagone senza aria condizionata durante l’orario di punta; scegliere di spostarsi in autobus potrebbe rivelarsi un tantino più complicato.

Il problema di viaggiare in colectivo, così viene chiamato l’autobus in Argentina, è che si sa a che ora si esce di casa ma mai a che ora si arriverà a destinazione. Gli autobus non hanno, infatti, un orario prestabilito di partenza. Dovete recarvi alla fermata e pazientemente aspettare. A seconda delle linee, a volte i tempi di attesa sono molto lunghi, mentre in altri casi vi capiterà di veder arrivare in contemporanea più autobus che effettuano la stessa corsa. Spesso, però, se l’autobus è già molto pieno, l’autista potrebbe decidere di ignorarvi e tirare dritto.

Come viaggiare in colectivos

Come per la metropolitana, anche per viaggiare in autobus è necessaria una tarjeta sube. A differenza della metro, però, il prezzo del biglietto si calcola in base ai chilometri da percorrere. Appena saliti in autobus, infatti, dovete informare il conducente sulla vostra destinazione. Il costo del viaggio verrà così inserito nella macchinetta sulla quale passerete la vostra tarjeta sube. Un procedimento che, nel caso in cui siano presenti molti passeggeri, può portare via molto tempo.

Il Metrobus

In una città così grande e caotica come Buenos Aires, un altro problema che potrebbe rallentare notevolmente il vostro viaggio in autobus è, ovviamente, il traffico che, specialmente negli orari di punta, blocca la città. Da qualche anno, per cercare di risolvere il problema, sono state create delle corsie preferenziali per gli autobus chiamate Metrobus. Attualmente a Buenos Aires ne sono attive tre linee.

Se decidete di muovervi per la città di Buenos Aires in autobus, perciò, pianificate con tempi molto lunghi i vostri spostamenti, anche quelli che sulla carta (anzi, sulla mappa) potrebbero apparire brevi.

Vi segnalo, a tal proposito, l’utilissima app comollego (consultabile anche in versione web) per avere sempre con voi a portata di click le informazioni riguardanti le linee della metropolitana e degli autobus, come la stazione o la fermata più vicina al punto dove vi trovate e il tempo di percorrenza stimato.

3. TAXI

Se vi stancate di aspettare l’autobus, semplicemente alzando un dito, potete fermare un taxi o contattarlo tramite l’app Easy Taxi. Di colore nero e giallo, con la luce rossa accesa sul davanti quando sono liberi, i taxi affollano le strade della capitale argentina e rappresentano una soluzione sicura (anche per donne che viaggiano da sole) ed economica. Il prezzo di una corsa corsa giornaliera, infatti, è di 2,77 pesos  per chilometro + 27 pesos di tariffa base; il prezzo di una corsa notturna, invece, è di 3,33 pesos per chilometro + 33 pesos di tariffa base.

4. ECO-BICI

Per gli amanti delle due ruote esiste anche la possibilità di visitare la città mediante l’utilizzo di biciclette pubbliche. Per poter accedere al servizio, gratuito e disponibile tutti i giorni dell’anno h24, è sufficiente iscriversi online al sito o tramite l’App.

5. TRENO

Il treno, infine, può rappresentare una buona soluzione per conoscere alcune zone turistiche che si trovano fuori dalla capitale, come ad esempio la cittadina di Tigre, sul delta del Río Paraná. Anche per viaggiare in treno, è sufficiente possedere una tarjeta sube. Come per gli autobus, la tariffa varia a seconda della destinazione finale.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.